Impatto sociale o Valore aggiunto sociale?
21463
post-template-default,single,single-post,postid-21463,single-format-standard,stockholm-core-1.1,select-theme-ver-5.1.8,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
Title Image

Impatto sociale o Valore aggiunto sociale?

Impatto sociale o Valore aggiunto sociale?

Ritorniamo a parlare di performance sociale nel Terzo settore. Un importante elemento di qualità per l’organizzazione, uno strumento di progettazione e programmazione di medio e lungo periodo.

La valutazione della performance sociale è un processo che deve avere dei requisiti ben definiti per poter arrivare ad una misurazione efficace del valore aggiunto. La European Venture Philantropy Association (EVPA) propone uno schema in 5 fasi.

Tale schema è alla base del modello per la misurazione della performance sociale VAStelling proposto da Sisociale.

Le 5 fasi di misurazione del VAS sono:

  1. Fissare gli obiettivi delle diverse parti in causa nello svolgimento della misurazione
  2. Analizzare gli stakeholder e il loro ruolo
  3. Misurare i risultati che portano al cambiamento
  4. Verificare e valutare la performance sulla base dell’effettiva realizzazione pratica dei risultati prefissati
  5. Monitoraggio e reporting della valutazione dei risultati e loro diffusione, in base alla rilevanza per il pubblico interno ed esterno.

Sisociale, nell’impostazione di VAStelling, abbraccia il filone del valore aggiunto sociale, in quanto esso è un concetto che ben si adatta alle specificità degli ETS perchè focalizzato sulla loro finalità di promuovere la coesione sociale. questo filone propone una valutazione del capitale relazionale, o capitale sociale: la capacità, quindi, dell’organizzazione di far crescere le reti sociali, la fiducia e il senso di appartenenza (Colozzi, 2006).